Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

I Gesuiti a Montefiascone: scoperta o mistero ?

I Gesuiti a Montefiascone.

I Protagonisti

I Gesuiti, congregazione religiosa fondata da Ignazio di Loyola, soldato spagnolo convertito del “siglo de oro  e, a circa metà '500, la Compagnia di Gesu' ”ebbe Cristo come modello simbolico e centro del sistema di vita e di preghiera.

 

Da qui l'insegnamento e dedizione agli altri,con un sistema quotidiano per il lavoro e per lo spirito. Grazie agli Esercizi Spirituali, La Compagnia sviluppò' competenze nelle scienze e nelle arti. A metà' del '600 si stabili qui a Montefiascone,  prima della soppressione ecclesiastica del 1773.

Qui furono contemporanei a Rosa Venerini e Lucia Filippini. Tra le testimonianze ancora oggi visibili hanno lasciato stemmi lungo la via del Borgo e su Via Trento. Il Seicento pare qui sia stato luogo di incontro religioso, con fini educativi. E' probabile sia stato per questo, anche luogo di raccoglimento spirituale, oltre che di arricchimento filosofico. Certo il mistero del perché le più acute menti siano venute qui , rimane.

I Gesuiti abitavano in piccoli gruppi, lo si deduce perche c'è uno stemma per ogni diverso palazzo. Il luogo era poco abitato, silenzioso, adatto alla perfezionamento spirituale, allo studio.

Forse la Compagnia aveva un compito ecclesiastico, forse intendeva studiare la zona oppure dare un contributo. Per esempio il Seminario Vescovile nacque a quei tempi ed a oggi, ancora, si fanno gli Esercizi.

Mentre durava il Medioevo, e prima ancora la peste ed una terribile indigenza, come testimoniano  i documenti della Venerini, vi era gran degrado.

Immaginiamo una coreografia come descritta nel famoso film “Nel Nome della Rosa”: accadde qualcosa di strano, qui?

Ugo Sergio Berardi Aldobrandini.

e-max.it: your social media marketing partner
Se desideri essere informato regolarmente sulle nostre attività, iscriviti alla nostra Newsletter. Il servizio è completamente gratuito. La Newsletter sarà inviata con cadenza quindicinale ed i tuoi dati non saranno condivisi con terzi.
Visit Montefiascone!